Rookie FC: Promossi con riserva

Terreno fertile, la Campania sportiva, se ben coltivato può dare ottimi frutti. Sabato 16, infatti, è andata in scena un’altra serata di sole MMA a dimostrazione che il movimento sta crescendo, lentamente ma inesorabilmente.

Grindhouse, Millennium, Danger, ed ora Rookie. Al momento sono già quattro le correnti che spingono i team della zona e questa spinta sta producendo ottimi risultati sia per gli atleti che non devono sobbarcarsi kilometri su kilometri per combattere, sia per il pubblico che può godere di spettacoli del genere a km 0.

Luca Maisto e Danilo Girasole si sono sicuramente fatti in quattro in questa loro prima esperienza da promoter, ed il risultato finale merita sicuramente almeno un buon 7.

Il Rookie nasce per valorizzare gli atleti, creando qualcosa di positivo per il movimento, qualcosa che cresca partendo dal Sud Italia, con una realtà il più professionale possibile. Crediamo nel Rookie, siamo ambiziosi e non vogliamo porci limiti, uno degli obiettivi sarà quello di avere nel nostro roster anche atleti internazionali. 

Queste le prime parole di Luca Maisto, che ci fa capire come le loro intenzioni siano rivolte al futuro.

La serata inizia un po’ in ritardo rispetto all’orario previsto delle 19.30, e questa per me è una consuetudine che andrebbe eliminata per alzare il livello organizzativo. E’ vero che il pubblico ha sempre quest’idea che si inizi più tardi di quanto dichiarato ma ritengo che sia proprio perché ciò avviene spesso. Attenzione però, ad alti livelli la precisione e la puntualità sono sacre!

I semi-pro entrano in gabbia, ed il livello tecnico di tutti i partecipanti è più che buono.

Il napoletano Fabrizio Navato apre la serata opposto al romano Valerio Luminari. I due sono appena sedicenni, ma dimostrano di avere buone doti tecniche e gran cuore. Navato vince di stretta misura il primo round, convince nel secondo round e subisce il rientro dell’avversario all’ultimo round. Non basta la terza ripresa a Luminari per aggiudicarsi l’incontro, Navato vince ai punti.

A seguire, Cristian Rizzo vs Corrado Flavio. Il match parte scoppiettante con un buon arrembaggio di Flavio, ma Rizzo rientra bene e chiude la contesa con una perfetta ghigliottina al primo round.

Per il terzo match, Simone Amadori affronta Francesco Paolo Scannapieco. Match tutto in piedi, con Scannapieco che forse teme troppo l’avversario del Team Gloria ed Amadori che svolge il suo compito senza necessità di alzare mai il ritmo. Finisce con una vittoria ai punti per l’atleta romano.

E’ il turno di Alfredo Guerrieri opposto a Gianluca Cioffi. Assistiamo davvero ad un bel match, i due sono composti e si incastrano bene, scambiando degli ottimi colpi. Cioffi ha pugni pesanti, Guerrieri un buon lavoro di gambe. Al secondo round Cioffi carica di pugilato, Cioffi è bravissimo ad afferrare in clinch e colpire con una ginocchiata al volto l’avversario, causandogli un danno al setto nasale. Purtroppo per lui questo colpo non era regolare quindi perde per squalifica.

A seguire entra in gabbia l’ennesimo atleta del team Gloria, Savino De Bonis, che deve vedersela contro Simone Esposito. Quest’ultimo dimostra di avere colpi pesanti, De Bonis è intelligente e porta la contesa al suolo dominando prima e seconda ripresa. Esposito non riparte al terzo round, non ne ha più.

L’ultimo match semipro è fra l’atleta di Ercolano Antonio Oliviero opposto al napoletano Piero D’Angelo. I due pesi massimi si muovono con leggerezza, mettono in piedi un match fatto di tattica e cervello. Tre round assolutamente godibili, quasi una partita a scacchi che vede prevalere Oliviero ai punti.

Dopo un intermezzo di Cerilli, intervistato come responsabile ENDAS (che patrocinava la serata), si parte con i match fra Professionisti. Ogni serata che si rispetti ha i suoi match saltati e il Rookie non è stato da meno. Ci si ritrova con quattro match in card ma per una prima edizione direi che non ci si può lamentare.

Si comincia con Alessandro Castiglione (2-2 prima di questo evento) opposto ad Andrea Marrazzo (1-1 prima di questo evento). Castiglione apre bene con un buon calcio e poi, prima che Marrazzo possa prendere le misure, atterra l’avversario con un double leg facendo valere il suo ottimo BJJ,  prendendo la schiena e chiudendo il match con una mata leao.

foto di Francesco Catalano

 

Nel secondo match Giuseppe Ruggeri (1-0 prima di questo evento), atleta nel roster Italian Top Fighters Management, ed Alessandro Giordano (1-0 prima di questo evento), giovane di belle speranze di casa all’Hercolaneum Center del Team Naresuan. Si parte con due colpi pesanti di Giordano, Ruggeri è intelligente e ben impostato e porta il match al suolo nonostante i vari tentativi di difesa dell’avversario. Il canovaccio si ripete per tutte e tre le riprese: Ruggeri fa valere la sua forza fisica, Giordano si difende in maniera a volte anche drammatica. Ne esce un match carico di pathos, Giordano ha un grande seguito e soffre molto ma resiste. Ruggeri, atleta correttissimo, domina per tre round cercando ogni strada per finire prima del limite. Vittoria ai punti per il giovane del Gloria, ne sentiremo parlare molto. Anche Giordano dimostra di avere buona stoffa, se scendesse di categoria di peso potrebbe fare il salto di qualità.

 

In gabbia per il terzo match un altro atleta Gloria nel roster ITFM, Alberto Ciardo (2-0 prima di questo evento). Affronta uno sventurato Federico Delpero (0-0 prima di questo evento) che non sembra avere nessuna chance di difendersi. Primo round drammatico con molti colpi subiti al suolo da Delpero in un dominio totale di Ciardo, secondo round ancora peggio con una vera mattanza di Ciardo prima dello stop dell’arbitro centrale, che in questo e nel match seguente è stato Mauro The Hammer Cerilli.

Nel main event Salvatore Terralavoro (0-2 prima di questo evento, la seconda sconfitta contro Gianni Melillo) è opposto a Franco Tomaselli (0-0 prima di questo evento). Match noioso, con i due che passano i primi due round in lunghe fasi di lotta a parete molto passiva. Nel terzo round Terralavoro apre la strada con un ottimo diretto, fiuta il sangue e scarica una serie di colpi che mandano al suolo Tomaselli costringendo l’arbitro ad interrompere.

Nel complesso, la serata è stata messa in piedi bene. Promuovo l’idea, perché so benissimo che impegnarsi a promuovere un evento di sole MMA non è mai facile, in provincia soprattutto. Promuovo la location: gli studios televisivi di ITALIAMIA (canale 274 del digitale terrestre) sono suggestivi, ambiente raccolto, palcoscenico ad hoc, service audio-video eccellente. Inoltre, una volta montata, la serata andrà in onda e questo è un dettaglio non da poco. Ed ancora promuovo l’affluenza: in totale circa 100 posti nel parterre più le balaustre, credo 130 spettatori totali. Vista la location scelta, direi che i promoter hanno ben calibrato l’evento ottenendo il tutto esaurito.

Boccio i tempi: si è iniziato in ritardo, le pause fra ogni match sembravano infinite, la serata è terminata ben oltre la mezzanotte e questo può portare il pubblico a seguire solo il match del proprio atleta quando invece dobbiamo educarli a guardare con passione ogni singolo incontro. Non era previsto un servizio bar, ed in una zona dislocata come quella dove sorgono gli studios direi che si tratta di un servizio fondamentale oltre ovviamente ad un ottimo guadagno per gli organizzatori. L’ultima cosa che boccio è la scelta della musica: come intermezzo c’era sempre e solo Down with the Sickness, canzone che prima non conoscevo ma che ora saprei cantare a memoria. Piccole cose insomma, ma che messe insieme possono portare ad allontanare il pubblico occasionale.

Chiudo con un elogio agli atleti: la nota migliore, permettetemelo, è stata la qualità dei match. In un evento denominato Rookie di certo non mi aspetto veterani consumati. E i “Rookies” entrati in gabbia sono stati tecnicamente interessanti, fisicamente ben preparati, e tutti sono stati educati e rispettosi verso avversari e giuria.

Con queste premesse, non possiamo che attendere Rookie Fc 2!

The post Rookie FC: Promossi con riserva appeared first on Fighting Zone Italia.


Source: Fightzone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *